lunedì 18 luglio 2011

[Tales from the railway] - Un altro viaggio - Another commute


Il treno d'estate è impietoso, specie se fai la tirrenica.
E' impietoso perché le ragazze che vanno al mare e che salgono sul tuo stesso treno hanno vent'anni meno di te e non fanno altro che sorridere; così t'innamori a ogni vagone, e quando scendi e il treno riparte, dietro a ogni finestrino che passa immagini una storia diversa.
E' biologia, nient'altro; la consapevolezza che, in quanto maschio, non smetterai mai di guardarle, di fantasticare, di credere di avere diciassette anni.
Poi scendono, sempre sorridenti, e ti resta quel vago senso di smarrimento generato dal tuo subconscio che non vuole lasciarti tornare bruscamente alla realtà di un treno rumoroso e puzzolente.
Ti volti verso il finestrino, lasci che il paesaggio scorra veloce.
In sovraimpressione, mentalmente, diapositive che scorrono, volti, occhi, sorrisi, finché non abbuia; le luci prendono il sopravvento, i freni stridono nauseanti.
E' ora di scendere.



2 commenti:

Florinda ha detto...

Serie bellissima...!

Ale- ha detto...

grazie mille :-)